XX Congresso dell’Unione Matematica Italiana – disponibile il programma e l’esonero ministeriale

Sono aperte le iscrizioni al XX Congresso dell’Unione Matematica Italiana
I lavori del XX Congresso dell’Unione Matematica Italiana si svolgeranno da lunedì 7 a sabato 12 settembre 2015 presso l’Università di Siena.
E’ disponibile il programma alla pagina del https://umi.dm.unibo.it/congresso2015/programma/
Il Congresso è aperto a tutti i matematici e in modo particolare ai giovani studiosi di matematica non strutturati, come assegnisti, borsisti, dottorandi e neolaureati. L’organizzazione è impegnata a favorire la loro partecipazione ed il loro intervento.
In occasione della seduta inaugurale saranno consegnati numerosi premi gestiti dall’U.M.I.
Tutte le informazioni si possono trovare sul sito del Congresso https://umi.dm.unibo.it/congresso2015/ costantemente aggiornato
E’ disponibile l’esonero ministeriale

INTERNATIONAL SCHOOL OF MATHEMATICS «G. STAMPACCHIA»

Si informa che durante l’evento sarà assegnata la Fifth edition of the Gold Medal «Guido Stampacchia» Prize
http://varana.org/international-workshop/
INTERNATIONAL SCHOOL OF MATHEMATICS «G. STAMPACCHIA»
Director: F. GIANNESSI

63rd Workshop: Variational analysis and applications

Directors: P. DANIELE – C. DE LELLIS – A. MAUGERI – R.T. ROCKAFELLAR – M. THÉRA 28 August – 5 September 2015
64th Workshop: Variational analysis and aerospace engineering III: Mathematical challenges for a new aviation
Directors: A. FREDIANI – B. MOHAMMADI – O. PIRONNEAU
28 August – 5 September 2015
65th Workshop: Mathematical and computational epidemiology of Infectious diseases – the Interplay between models and public health policies
Directors: P. CERRAI – A. D’ONOFRIO – J. EDMUNDS – P. MANFREDI
30 August – 5 September 2015

Una biblioteca per Emma Castelnuovo

Nel pomeriggio del 13 aprile, nel primo anniversario della scomparsa di Emma Castelnuovo, è stata inaugurata “simbolicamente” la sua Biblioteca lasciata al MCE (Movimento di Cooperazione Educativa) e accolta dall’IIS C.Darwin di Roma.
All’iniziativa hanno partecipato numerosi insegnanti e studenti del territorio, ex allievi e ex tirocinanti della professoressa Castelnuovo, rappresentanti degli Enti Locali.
Il Professor Ciro Ciliberto, presidente dell’UMI (Unione Matematica Italiana) ha illustrato la figura di Emma Castelnuovo e il suo ruolo rivoluzionario, oltre che per la didattica della matematica, per la cultura e la scuola italiana.
I rappresentanti del MCE hanno delineato i rapporti di E.C. con l’associazione e la futura attività della biblioteca per la formazione degli insegnanti e per la ricerca didattica e pedagogica.
Il catalogo informatizzato della biblioteca sarà messo in rete nel sistema bibliotecario nazionale. L’iniziativa è stata arricchita dalla presentazione di lavori sui materiali concreti di Emma Castelnuovo, da parte di alunni dell’ISS C.Darwin e dell’istituto Cavanis.

Giornata in onore di Bruno de Finetti

30 APRILE 2015
PROGRAMMA – INVITO
Comitato ordinatore:
Giuseppe ANICHINI (Università di Firenze), Silvano HOLZER (Università di Trieste), Flavio PRESSACCO (Università di Udine), Brunero LISEO (Sapienza-Università di Roma)
Giovedì 30 aprile
10.00 Indirizzi di saluto
Apertura dei lavori
Sessione 1 – Presiede Giorgio LUNGHINI (Linceo, Università di Pavia)
10.30 Carla ROSSI (Università di Roma Tor Vergata): De Finetti e il calcolo delle probabilità
11.15 Intervallo
11.30 Eugenio REGAZZINI (Università di Pavia): De Finetti e la statistica
12.15 Testimonianze
14.30 Flavio PRESSACCO (Università di Udine): De Finetti e le scienze economiche, finanziarie e attuariali
15.15 Massimo DE FELICE (Sapienza-Università di Roma): De Finetti e l’organizzazione della pubblica amministrazione
16.00 Intervallo
16.15 Domingo Paola (Vincitore del premio intitolato a Bruno de Finetti): De Finetti e la didattica delle scienze matematiche
17.00 Consegna del premio e conclusioni
premiazione_2015

(a sinistra il vincitore Domingo Paola e a destra il prof. Giuseppe Anichini)

Il convegno è organizzato in collaborazione con Unione Matematica Italiana, Società Italiana di Statistica, Associazione per la Matematica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali
ROMA – PALAZZINA DELL’AUDITORIO – VIA DELLA LUNGARA 230
Segreteria del convegno: piemontese@lincei.it
La partecipazione alla giornata è libera; tuttavia chi intenda partecipare è invitato a inviare una e-mail di adesione alla casella di posta elettronica sis@sis-statistica.it entro il 15 aprile 2015, indicando nome, cognome e ente di appartenenza.
Fino alle ore 10 è possibile l’accesso da Lungotevere della Farnesina, 10

Convegno in onore di Guido Castelnuovo

15 – 16 maggio 2015 – Palazzo Loredan
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Nel 2015 ricorre il 150esimo anniversario della nascita di Guido Castelnuovo (Venezia, 14 agosto 1865 – Roma, 27 aprile 1952). Castenuovo fu innanzitutto un matematico di levatura mondiale, famoso per i suoi risultati fondamentali in geometria algebrica, una disciplina che ha avuto a partire dalla seconda
metà del 1800 uno sviluppo poderoso in Italia, tanto da divenire una vera gloria della scienza nazionale.
Della cosiddetta ”scuola italiana di geometria algebrica” Castelnuovo è stato uno dei massimi esponenti. Nella sua lunga vita scientifica si è occupato anche di altri settori della matematica come il calcolo delle probabilità, questioni di fondamenti e di didattica.
Di Castelnuovo è però importante ricordare anche le doti umane e il suo impegno politico in senso lato. Durante la seconda guerra mondiale, con l’occupazione di Roma da parte dei nazisti, Castelnuovo, come tanti altri ebrei, fu costretto a nascondersi. Nonostante ciò, e nonostante l’età ormai avanzata, egli si fece promotore di corsi clandestini di livello universitario per studenti ebrei, con l’intento di sostenerne la speranza in tempi migliori.
Dopo la liberazione di Roma, Castelnuovo fu nominato commissario speciale del Consiglio Nazionale delle Ricerche, e in quanto tale ne riavviò la riorganizzazione dopo la paralisi del periodo bellico. Fu componente della commissione di epurazione della ricostituita Accademia dei Lincei nel 1944-46,
e ne fu eletto presidente, carica che mantenne fino agli ultimi giorni di vita. Il 5 dicembre 1949 diventò senatore a vita della Repubblica Italiana.
Questo incontro intende ricordare i vari aspetti della figura di Guido Castelnuovo, con apporti di natura interdisciplinare, aperti ad un pubblico di vari interessi.
15 maggio
10,00 – Introduzione
11,00 / 11,45 – Enrico Arbarello
12,00 / 12,45 – Gavril Farkas
13,00 – pranzo
14,30 / 15,15 – Charles Alunni
15,15 /15,45 – caffé
15,45 / 16, 30 – Paola Gario
16,45 / 17, 30 – Umberto Bottazzini
16 maggio
9,30 / 10,15 – Claudio Fontanari
10,15 / 10,45 – caffé
10,45 / 11, 30 – Arnaud Beauville
11,45 / 13,00 – Considerazioni finali
Charles Alunni (Ecole Normale Superieure, Paris e Scuola Normale Superiore, Pisa)
Titolo: Guido Castelnuovo. Prolegomeni alla sua epistemologia
Sunto: non pervenuto.
Enrico Arbarello (Univ. di Roma ”La Sapienza”, Dip. di Matematica ”G. Castelnuovo”)
Titolo: Castelnuovo e il suo mondo
Sunto: Si descrivono alcuni dei tratti culturali, matematici, familiari,
politici e umani di Guido Castelnuovo di sua figlia Emma.
Arnaud Beauville (Univ. de Nice)
Titolo: Castelnuovo and the Lueroth problem
Sunto: In 1875 Lueroth observed that if an algebraic curve can be parametrized by rational functions, one can choose the parametrization so that a general point of the curve corresponds to exactly one value of the parameter. In 1895 Castelnuovo proved that this holds also for algebraic surfaces; this turned out to be a fundamental result in surface theory. The search for counter-examples in higher dimension gave rise to a whole area of research, still quite lively nowadays. I will discuss the colorful history of the subject, from Castelnuovo’s work up to the results obtained in the last two years.
Umberto Bottazzini (Dipartimento di Matematica “Federigo Enriques”, Università degli Studi di Milano)
Titolo: Dalle leggi razziali al dopoguerra: gli anni difficili di Guido Castelnuovo
Sunto: L’ultimo quindicennio di vita di Guido Castelnuovo è inaugurato dalle leggi razziali, emanate nel settembre 1938: Le origini del calcolo infinitesimale nell’era moderna, ancora fresco di stampa, sarà destinato ad essere per molto tempo la sua ultima pubblicazione. Nei primi anni della guerra Castelnuovo dà vita ai “Corsi integrativi di cultura matematica”, l’‘università clandestina’ per studenti ebrei, così come clandestina è la sua vita a Roma nei mesi dell’occupazione tedesca. Sfuggito fortunosamente alla retata nazista dell’ottobre ’43, dopo la Liberazione di Roma Castelnuovo viene chiamato a svolgere ruoli politici e istituzionali: elabora un progetto di riforma della scuola media per il Partito d’Azione, è nominato commissario del
CNR e membro della Commissione per la ricostituzione dell’Accademia dei Lincei, che sarà chiamato a presiedere nel 1946. Tre anni più tardi sarà nominato senatore a vita. Nella relazione le sue vicende biografiche offriranno il contesto per una discussione dei suoi contributi di carattere culturale e istituzionale in quegli anni difficili.
Gavril Farkas (Humboldt Univ., Berlin)
Titolo: Castelnuovo and the principle of degeneration for algebraic curves.
Sunto: I will present Castelnuovo’s approach of reducing via degeneration counting problems on linear series to Schubert calculus and discuss his interaction with the algebraic German school of Brill and Noether. I will also comment on exciting open problems directly emerging from Castelnuovo’s work on degenerations.
Claudio Fontanari (Università di Trento)
Titolo: Guido Castelnuovo docente di Geometria Superiore
Sunto: Verranno illustrati i programmi dei corsi di “Geometria Superiore” tenuti a Roma da Guido Castelnuovo per vent’anni, dal 1903 al 1923. In particolare, si presenteranno i contenuti dell’ultimo corso svolto nell’a.a. 1922-23 prima del passaggio di Castelnuovo alla cattedra di “Matematica Complementare”, in concomitanza del trasferimento a Roma di Federigo Enriques.
Paola Gario (Dipartimento di Matematica “Federigo Enriques”, Università degli Studi di Milano)
Titolo: Guido Castelnuovo: dall’impegno per la scuola a nuovi interessi di ricerca
Sunto: “Ci domandiamo talvolta se il tempo che dedichiamo alle questioni d’insegnamento non sarebbe meglio impiegato nella ricerca scientifica. Ebbene, rispondiamo che è un dovere sociale che ci obbliga a trattare questi problemi.” In queste parole pronunciate da Guido Castelnuovo nel 1914, in occasione della riunione di Parigi della Commissione Internazionale dell’Insegnamento Matematico, è condensata la motivazione fondamentale che l’aveva spinto all’inizio del Novecento a interessarsi dei problemi della scuola, in anni in cui il suo impegno scientifico era ancora saldamente legato alle ricerche di geometria algebrica. Nel mio intervento illustro le tappe dell’impegno di Castelnuovo e gli aspetti salienti della filosofia didattica che ne permearono l’azione. In effetti, agli inizi del secolo, a Castelnuovo si erano presentate alcune occasioni di riflessione sui problemi dell’insegnamento della matematica. L’interesse venne poi rafforzato da incarichi di tipo istituzionale riguardanti i progetti di riforma dei sistemi scolastici di cui allora si dibatteva in Italia e in altri paesi. Castelnuovo elaborò una propria visione del ruolo della scuola e delle funzioni dell’insegnamento della matematica nella società moderna. Il suo coinvolgimento su questi temi ne determinò i nuovi interessi scientifici. Dopo la prima guerra mondiale essi saranno rivolti verso discipline matematiche meno astratte e le applicazioni.
Per ulteriori notizie, cfr. sito wwb http://www.istitutoveneto.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/96

Matematica e Letteratura

Matematica e letteratura, analogie e convergenze
locandina mat e lett definit

Giornata in onore di Bruno de Finetti

Il 30 Aprile 2015 si svolgerà presso il Centro “B. Segre” dell’Accademia dei Lincei una giornata volta a ricordare, a trent’anni dalla scomparsa, la grande figura di studioso e di uomo.
Le scienze matematiche, la teoria della probabilità, la statistica, le scienze economiche, la matematica applicata all’economia, alla finanza e alle scienze attuariali, e la didattica della matematica hanno un profondo debito di riconoscenza verso le idee e i contributi forniti da de Finetti.
La giornata è stata promossa dall’Unione Matematica Italiana, dalla Società Italiana di Statistica e dall’Associazione per la Matematica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali.
Il comitato scientifico è costituito dai proff. Giuseppe Anichini (Università di Firenze), Silvano Holzer (Università di Trieste), Flavio Pressacco (Università di Udine), Brunero Liseo (Università di Roma “La Sapienza”).
La giornata si articolerà nel modo seguente:
10.00-10.30 Apertura della giornata:
presiede il prof. Giorgio Lunghini (Università di Pavia e Centro “B. Segre” dell’Accademia de Lincei)
pausa caffé
10.45-11.30 de Finetti e il calcolo delle probabilità
(prof.ssa Carla Rossi, Università di Roma “Tor Vergata”)
11.30-12.15 de Finetti e la statistica
(prof. Eugenio Regazzini, Università degli Studi di Pavia.)
12.15-13.00 Testimonianze
(hanno confermato la partecipazione la sig.ra Fulvia de Finetti e i proff. C. De Ferra e M. Barra)
13.00-14.30 pausa pranzo
14.30-15.15 de Finetti e le scienze economiche, finanziarie e attuariali
(prof. Flavio Pressacco, Università di Udine)
15.15-16.00 de Finetti e l’organizzazione della pubblica amministrazione
(prof. Massimo De Felice, Università di Roma “La Sapienza”)
pausa caffé
16.15-17 de Finetti e la didattica delle scienze matematiche
(l’intervento sarà tenuto dal vincitore del premio intitolato a B. de Finetti bandito dall’Unione Matematica Italiana)
17-17.30 Consegna premio e chiusura
La partecipazione alla giornata è libera. Tuttavia chi voglia partecipare è invitato a inviare una e-mail di adesione alla casella di posta elettronica sis@sis-statistica.it entro il 15 aprile 2015 e indicando nome, cognome e ente di appartenenza.

The first Joint Meeting Brazil-Italy

Dear Members,
from August 29th to September 2nd 2016, “The first Joint Meeting Brazil-Italy” will take place in Rio de Janeiro.
It’s being organized in Italy by UMI and SIMAI and in Brazil by SBM and SBMAC: see the website

Soon, the organizers will announce the speakers of the pleanry lectures. They are very representative in numerous areas of our discipline. On the website mentioned before, it is already possible to see an announcement: see http://www.sbm.org.br/jointmeeting-italy/special-sessions, that you are invited to read, for the organization proposals of “Special Sessions” within the Meeting.
I hope that the announcement will stimulate the interest of many of you and prompt you to make suggestions, in collaboration with Brazilian colleagues, so that the Meeting will be as interesting, various and lively as possible. The local organizing Committee is trying to get funds in order to finance some of the participants: however, it is not possible to promise any financial support to anyone at the moment. Therefore, it is important that participants also think about how to obtain adequate funds to attend the conference. Of course UMI, despite the current difficulties, will try as much as possible to facilitate any effort in this direction.
As witnessed by the remarkable success of the recent Joint Meeting between the Italian and the Iberian mathematical societies, which was held in Bilbao last summer, I conclude by emphasizing that these meetings are significant opportunities in order to meet other mathematical communities. Furthermore, they create and strengthen important scientific collaborations and emphasize the quality of the Italian mathematics internationally. For this reason, it is important for all of us to contribute to their success.
Best Regards,
Ciro Ciliberto

The first Joint Meeting Brazil – Italy

Cari Soci,
dal 29 Agosto al 2 Settembre 2016, si terrà all’Impa di Rio, (Brasile) “The first Joint Meeting Brazil – Italy”
Organizzato per parte italiana da UMI e SIMAI e per parte brasiliana da SBM e SMBAC, cfr. il sito web
http://www.sbm.org.br/jointmeeting-italy/
Tra breve verranno annunciati gli invitati a tenere conferenze generali, che saranno matematici molto rappresentativi in vari campi della nostra disciplina. Sul suddetto sito è già apparso, cfr.
http://www.sbm.org.br/jointmeeting-italy/special-sessions un annuncio, di cui vi invito a prendere visione, per le proposte di organizzazione di ”Sessioni Speciali” nell’ambito del Meeting. Spero che l’annuncio trovi riscontro nell’interesse di molti di voi ad effettuare proposte, in collaborazione con colleghi brasiliani, in modo che il Meeting possa risultare il più interessante, vario e vivace possibile. Il Comitato Organizzatore locale sta provando ad ottenere fondi per finanziare parte dei partecipanti, tuttavia al momento non si può promettere alcun supporto finanziario a nessuno. Pertanto sarebbe importante che i proponenti e i partecipanti alle sezioni pensino anche a come procurarsi fondi adeguati alla partecipazione al Convegno. Naturalmente l’UMI, pur nelle difficoltà attuali, cercherà per quanto possibile di agevolare ogni azione in tal senso.
Concludo sottolineando che, come ha testimoniato il notevole successo del recente Joint Meeting tra società matematiche italiane e iberiche tenuto a Bilbao nella scorsa estate, questi incontri sono notevoli occasioni di incontro con altre comunità matematiche, creano e rinsaldano collaborazioni
scientifiche importanti e pongono in maggiore evidenza la qualità della matematica italiana a livello internazionale. Ragion per cui il contribuire al loro successo è per tutti noi importante.
Un saluto,
Ciro Ciliberto

XXXII Convegno UMI-CIIM

Sono aperte le iscrizioni al XXXII Convegno UMI-CIIM “IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI” che si terrà a Livorno dal 16 al 18 ottobre 2014.
Il convegno è dedicato a Federigo Enriques

“Le città di mare, se per destinazione sono rivolte ai commerci, sicché la pratica della vita sembra distogliere dallo studio meditativo, ritengono pure nel loro spirito qualche affinità collo spirito scientifico: non solo e non tanto perché la scienza, madre della tecnica, informa di sé sempre più largamente tutti i campi dell’industria e dell’azione, quanto perché l’indagine scientifica nasce dal medesimo desiderio avventuroso di allargare il dominio della realtà, che in ogni tempo ha spinto i naviganti a spiegare le ali verso ignoti lidi, affrontando con fervida speme le sicure tempeste.”
Federigo Enriques (Il significato umanistico della scienza nella cultura nazionale, Periodico di Matematiche, 1924)