Gruppi di lavoro

Gruppo di lavoro Pari Opportunità

 

pariopp

Il gruppo UMI per le Pari Opportunità è nato alla fine del 2012, su iniziativa del presidente dell’UMI, con l’intento di sviluppare differenti tematiche relative alla presenza e al ruolo delle donne nella matematica, con analisi e azioni specifiche. Il tema gender&science è da anni oggetto di studio e intervento a livello internazionale, si pensi per esempio al tema “Gender and science” nel programmi quadro della Comunità Europea.

La caratteristica più evidente del problema è la scarsità di donne nella ricerca scientifica, in particolare nelle posizioni apicali e negli organi decisionali e di indirizzo. Questo è vero in particolare nell’ambito della matematica, dove al gran numero di studentesse presenti nei corsi di laurea corrispondono piccole percentuali di donne che scelgono di proseguire nella ricerca, percentuali che diventano estremamente basse ai livelli più alti della carriera.

La problematica è complessa e richiede varie azioni a diversi livelli, per esempio nell’orientamento scolastico o nelle modalità di organizzazione e selezione. In queste pagine verranno raccolti dati e studi sull’argomento, link ad altri organismi, nazionali e internazionali, relativi alle donne nella scienza, e le azioni che verranno messe in atto.

Chi siamo

  1. Cinzia Cerroni (coordinatrice), Dipartimento di Matematica ed Informatica – Università di Palermo
  2. Anna Maria Cherubini, Dipartimento di Matematica e Fisica – Università del Salento – Lecce
  3. Patrizia Colella, Liceo Classico Palmieri – Lecce, Associazione Donne e Scienza
  4. Adriana Garroni, Dipartimento di Matematica – Università di Roma La Sapienza
  5. Barbara Nelli, Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione e Matematica – Università dell’Aquila
  6. Elisabetta Strickland, Vice-presidente INdAM, Dipartimento di Matematica – Università di Roma “Tor Vergata”
  7. Susanna Terracini, Dipartimento di Matematica – Università di Torino, European Women in Mathematics
  8. Sofia Tirabassi, Department of Mathematics – University of Bergen (Norway)

Chi eravamo, fino ad agosto 2015: Livia Giacardi (coordinatrice), Cinzia Cerroni, Anna Maria Cherubini, Patrizia Colella, Elisabetta Strickland, Susanna Terracini, Sofia Tirabassi

Notizie

SoapBox Science invita le Ricercatrici UniPa a scendere in Piazza

Il talento di Claire Voisin per la matematica

È stata la prima donna eletta al Collège de France nella più antica cattedra di Matematica europea. Per il suo insediamento, è stata organizzata una conferenza a cui sono stati invitati a parlare anche tre matematici italiani: Enrico Arbarello, Kieran O’Grady e Giulia Saccà, l’unica donna e la più giovane fra i 12 speaker. Fra l’altro, Giulia si era già distinta in passato, ricevendo nel 2015 il Premio Enriques dell’UMI. Quest’anno, Claire Voisin ha anche vinto la medaglia d’oro del CNRS, di gran lunga la più prestigiosa onorificenza scientifica francese. Socia straniera dell’Istituto Lombardo e dell’Accademia dei Lincei, potete scoprirne altre curiosità in questo dialogo di Barbara Fantechi e Gianluca Pacienza.

*****

La Commissione Scientifica dell’UMI ha approvato, nella seduta del 12 marzo 2016, il documento allegato elaborato dal Gruppo di lavoro pari opportunità, sulle azioni da intraprendere in merito alle questioni di pari opportunità.
Tavola rotonda “Questioni di genere” (XX Congresso UMI, Siena 7/09/2015)

Margherita Lelli Chiesa è stata accettata all’Heidelberg Laureate Forum 2015,
http://www.heidelberg-laureate-forum.org/event_2015/

Numeri rosa. Donne e matematica
mostra organizzata da Il Giardino di Archimede, Firenze 6 – 27 marzo 2015, Palazzo Panciatichi, via Cavour 2. I pannelli della mostra.

Medaglia Fields a Maryam Mirzakhani

Durante il ventisettesimo International Congress of Mathematicians tenutosi a Seoul nella Corea del Sud (13-21 agosto 2014), la presidente dell’International Mathematical Union, Ingrid Daubechies, prima donna a ricoprire tale incarico, ha annunciato i vincitori:

Artur Avila, Manjul Bhargava, Martin Hairer e, prima donna ad aggiudicarsi questo premio, l’iraniana Maryam Mirzakhani: http://www.icm2014.org/en/awards/prizes/f4

Convegni e workshop 2013-2016

Iniziative

  • Indagine sulle eccellenze attraverso lo studio dei meccanismi di selezione alle Olimpiadi di matematica mediante questionari rivolti a insegnanti e studenti.
    Allo scopo sono stati elaborati i seguenti questionari rivolti a insegnanti e studenti:- QUESTIONARIO Docenti- QUESTIONARIO Studenti di scuola secondaria di secondo gradoIl primo è stato distribuito agli insegnanti durante il Convegno CIIM 2013 (Salerno, 17-18-19 ottobre 2013).
    Sono state raccolte 65 risposte. L’analisi dei dati, a cura di Patrizia Collella, permette di migliorare i questionari stessi per un’indagine a più ampio raggio

Questionario su background culturale e famigliare e carriere scientifiche
L’analisi dei dati è stata preparata da Maria Teresa Girando (Università di Torino)

  • Conferenze, seminari, convegni organizzati dal Gruppo
    Torino 19-12-2013
    C. Silvia Roero, “Matematica e cultura scientifica al femminile nel Settecento piemontese e lombardo: Clelia Grillo Borromeo, Maria Gaetana Agnesi e Diodata Saluzzo Roero”
    Torino 06-03-2014
    Donne scienziate: Presentazione di Susanna Terracini
    Sandra Linguerri, “Maestri e allieve: il caso di Vito Volterra”
    Torino 27-03-2014
    Erika Luciano, “Ebree la cui religione si confonde con il culto dell’Italia: il caso delle insegnanti torinesi (1848-1938)”

Dati

Resoconto dell’ultimo Gender Summit appena concluso a Bruxelles (l7 luglio 2014):
http://www.ingenere.it/articoli/leuropa-punta-sulle-pari-opportunita.
Il sito rimanda ad altri documenti interessanti sui problemi di genere.

Documento su questioni di genere in HORIZON 2020:
http://ec.europa.eu/research/participants/data/ref/h2020/grants_manual/hi/gender/h2020-hi-guide-gender_en.pdf

Tabella ANVUR – Rapporto finale ANVUR 30 Giugno 2013:
http://www.anvur.org/rapporto/tabelle/tabella2.13.html
Nella Tabella 2.13 sono riportate per ogni Area le distribuzioni dei soggetti valutati nelle varie categorie di appartenenza, evidenziando anche il dato di genere. È interessante notare come la percentuale di donne nelle tre categorie principali delle università e degli enti di ricerca, nel complesso modesta, sia significativamente maggiore tra i ricercatori rispetto a quella tra i professori associati e ordinari. È anche interessante notare come le percentuali siano comunque minori negli enti che nelle università. La distribuzione di genere, tenendo anche conto del fatto che le laureate sono in numero maggiore dei laureati, testimonia come la carriera del ricercatore sia ancora di difficile accesso per la componente femminile.

Situazione di genere nella matematica italiana aggiornata al 2013 da Lucia Maddalena (vicepresidente AMASES) e Elisabetta Strickland (vicepresidente INdAM)
The glass ceiling for female mathematicians in Italy

She figures 2012

  1. Proporzione uomini-donne in una tipica carriera accademica 2002-2010
  2. Presenza femminile nei vari gradi accademici, 2010
  3. Presenza femminile in grado A nei principali settori scientifici, 2010
  4. Presenza femminile in grado A, 2002-2010
  5. Proporzione uomini-donne in grado A

L’intero rapporto in: sezione allegati

Da Romana Frattini, Paolo Rossi: Report sulle donne nell’Università italiana, 2012, in Menodizero, Rivista dell’Università in Movimento

  1. Numero totale di docenti, divisi per sesso dal 1996 al 2012
  2. Numero totale di docenti nell’università divisi per fascia e per sesso
  3. Rapporto tra probabilità di genere e probabilità media per il passaggio tra ricercatori e professori di II fascia, a sinistra, e tra professori di II e I fascia, a destra, dal 2000 al 2011
  4. Percentuali di donne docenti presenti nelle diverse macroaree dal 1996 al 2012
  5. Valori medi delle probabilità di passaggio tra ricercatori e professori di II fascia, a sinistra, e tra professori di II e I fascia, a destra
  6. Percentuale di donne nei diversi ruoli nell’anno 2009 nelle diverse macroaree

L’intero rapporto in: sezione allegati

Da I laureati e il lavoro, Indagine 2011 sui laureati del 2007, Statistiche ISTAT, 8 giugno2012

  1. Laureati del 2007 in corsi di durata triennale che non hanno successivamente conseguito una laurea specialistica/magistrale e che nel 2011 svolgono un’attività lavorativa, per tipo di lavoro, sesso e gruppi di corsi
  2. Laureati del 2007 in corsi a ciclo unico e di laurea specialistica biennale che nel 2011 svolgono un’attività’ lavorativa, per tipo di lavoro, sesso e gruppi di corsi
  3. Guadagno medio mensile netto dei laureati del 2007 che nel 2011 svolgono un lavoro continuativo a tempo pieno iniziato dopo la laurea, per tipologia di corso di laurea, sesso e gruppi di corsi

L’intero rapporto in: sezione allegati

Dove trovare altri dati:
Banca dati MIUR-Ufficio di statistica: http://statistica.miur.it/normal.aspx?link=datiuniv

She figures 2009 Statistics and indicators on gender equality in science: http://ec.europa.eu/research/science-society/document_library/pdf_06/she_figures_2009_en.pdf

She figures 2012 http://ec.europa.eu/research/science-society/document_library/pdf_06/she-figures-2012_en.pdf

The Global Gender Gap Report, 2012 in: http://www3.weforum.org/docs/WEF_GenderGap_Report_2012.pdf

Helen Shen, Inequality quantified: Mind the gender gap, Nature 495, 2013 http://www.nature.com/news/inequality-quantified-mind-the-gender-gap-1.12550

Centri italiani
Centro Interdisciplinare di Ricerche e Studi delle Donne: http://www.cirsde.unito.it/

Il Centro è stato costituito nella primavera del 1991 su proposta di un gruppo di docenti e ricercatrici dell’Università di Torino, come struttura di riferimento per iniziative di ricerca, formazione e incontro culturale, tra le studiose e gli studiosi interessati a questioni di genere. La sua rivista ufficiale è “Quaderni di Donna & Ricerca”

Centro Interdipartimentale ABCD-Milano: http://www.abcd.unimib.it/

Si tratta di un Centro interdipartimentale dell’Università Milano-Bicocca creato con l’intento “di contribuire alla valorizzazione e diffusione degli studi di e sul genere, con particolare attenzione alle analisi delle forme con cui differenze, disuguaglianze e relazioni di genere si esprimono attraverso le società e le culture.”

Sitografia

Association Femmes et Mathematiques: http://www.femmes-et-maths.fr/

Nata nel 1987 l’associazione ha i seguenti obiettivi principali: incoraggiare le donne verso gli studi matematici e più in generale scientifici ; agire per raggiungere la parità nel reclutamento nelle università; sensibilizzare la comunità scientifica verso le questioni di genere; favorire l’incontro delle donne matematiche.

Donne e Scienza: http://www.donnescienza.it/

Si tratta del sito dell’associazione “Donne e Scienza” che si propone come scopo primario quello di “promuovere l’ingresso e la carriera delle donne nella ricerca scientifica e di modificarne le istituzioni in base ad un’analisi critica della scienza contemporanea”. Vi compare anche una ricca bibliografia ragionata di riferimento.

European Women in Mathematics: http://europeanwomeninmaths.org/

La EWM è una associazione di donne che si propone di incoraggiare le altre donne ad iniziare e proseguire gli studi in matematica; di aiutare quelle che desiderano intraprendere la carriera nella ricerca, creando luoghi e occasioni di incontro; di favorire la comunicazione internazionale fra uomini e donne nella comunità matematica e di cooperare con altri gruppi e organizzazioni, in Europa e nel mondo che abbiano analoghi obiettivi. Nel sito compaiono anche una serie di statistiche riguardanti le donne, il loro inserimento nelle università e negli enti di ricerca, le scelte universitarie iniziali, le maggiori difficoltà rilevate nell’apprendimento della matematica, le differenze rispetto ai loro colleghi, ecc.

International Organisation of Women and Mathematics Education (IOWME): http://extra.shu.ac.uk/iowme/

Questa organizzazione è nata nel 1976 quando durante il terzo International Congress on Mathematical Education (ICME-3) fu organizzato un convegno sul tema “Women and Mathematics”. Si tratta di una rete internazionale di persone e gruppi che si propongono di raggiungere l’equità nell’istruzione e che sono interessati ai legami fra genere e insegnamento e apprendimento della matematica. Si veda anche: http://www.icmihistory.unito.it/iowme.php.

Progetto STReGA: http://strega.unile.it/il_progetto.htm

Il progetto STReGA, dell’Università del Salento e dell’Associazione Donne e Scienza, finanziato dal Ministero del Lavoro nell’ambito del piano di azioni positive (ex art. 44 DL 198/2006, già art. 2 Legge 125/1991) si è svolto presso il Dipartimento di Matematica dal 2008 al febbraio 2011. Nel corso del progetto si sono attuate azioni rivolte a donne impegnate nella ricerca scientifica e azioni di orientamento di studentesse di scuole superiori verso studi e lavori scientifici. Nelle pagine del progetto è possibile trovare link alle singole iniziative, con documentazione.

Women in mathematics: http://www.lms.ac.uk/women-mathematics

Sito della London Mathematical Society. Si veda in particolare il Good Practice Scheme (http://lms.ac.uk/women/good-practice-scheme) sviluppato dal Women in Mathematics Committee e il report relativo Advancing women in mathematics: good practice in UK university departments (http://www.blitzadv.co.uk/LMS-BTL-17Report.pdf)

Bibliografia su temi di genere e scienza

A) Articoli, libri e documenti

Articoli

Libri

  • Rossella Palomba, Sognando parità, Ponte alle Grazie, Firenze, 2013
  • Anna Maria Cherubini, Patrizia Colella, Cristina Mangia 2001, Empowerment e orientamento di genere nella scienza. Dalla teoria alle buone pratiche, Milano, Franco Angeli
  • ISTAT, Donne all’Università, Il Mulino, Bologna, 2001.
  • Rossella Palomba (a cura di) 2000, Figlie di Minerva. Primo rapporto sulle carriere femminili negli enti pubblici di ricerca italiani, Milano, Franco Angeli. 2000
  • Virginia Valian, Why so slow? The advancement of women, MIT Press, 1998
  • Evelyn Fox Keller, Sul Genere e la Scienza, Garzanti, Milano,1987

Documenti e report

 

B) Articoli e libri sulle donne di scienza nella storia
  • Paola Govoni 2013, The Power of Weak Competitors: Women Scholars, “Popular Science”, and the Building of a Scientific Community in Italy, 1860s-1930, in ‘Science in Context’, 26 (3), pp. 505-436
  • Miriam Focaccia (a cura di) 2012, Dizionario biografico delle scienziate italiane (secoli XVIII-XX) Vol. 1 Architette, chimiche, fisiche, dottoresse, Bologna, Pendragon 2012
  • Sandra Linguerri (a cura di) 2012, Dizionario biografico delle scienziate italiane (secoli XVIII-XX) Vol. 2 Matematiche, astronome, naturaliste, Bologna, Pendragon
  • Valeria Babini, Raffaella Simili (a cura di) 2012, More than pupils. Italian Women in Science, Firenze, Olschki
  • Elisabetta Strickland 2011, Scienziate d’Italia, Roma, Donzelli
  • Raffaella Simili, Emanuela Reale 2011, Nella città di Ipazia. Donne di scienza, in Storia d’Italia. Annali 26. Scienze e cultura dell’Italia unita, a cura di Francesco Cassata, Claudio Pogliano, Torino, Giulio Einaudi Editore, pp. 893-919.
  • Raffaella Simili 2011, Le donne nella comunità scientifica, prima e dopo l’Unità, in Atti del Convegno Scienziati italiani e Unità d’Italia: Roma, 14-17 novembre 2011, Accademia nazionale delle scienze detta dei XL, Roma, Aracne, pp. 29-59.
  • Sandra Linguerri 2010, Un matematico un po’ speciale. Vito Volterra e le sue allieve, Bologna, Pendragon
  • Raffaella Simili 2010, Sotto falso nome. Scienziate italiane ebree (1938-1945), Bologna, Pendragon
  • Sara Sesti e Liliana Moro 2010, Scienziate nel tempo. 70 biografie  LUD, Milano
  • Erika Luciano, C. Silvia Roero (a cura di) 2008, Numeri, atomi e alambicchi. Donne e scienza in Piemonte dal 1840 al 1960, Parte I, Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile, Torino
  • Laura Toti Rigatelli 2007, Sophie Germain. Una matematica dimenticata, Milano Archinto
  • Gabriele Lolli 2000, La crisalide e la farfalla. Donne e matematica, Torino, Bollati Boringhieri
  • Marilyn Ogilvie, Joy Harvey (eds.) 2000, Biographical Dictionary of Women in Science, New York, Routledge
  • G. Fenaroli, F. Furinghetti, A, Garibaldi, A.M. Somaglia 1990, Women and mathematical research in Italy during th period 1887-1946. In L. Burton, Gender and Mathematics. An international perspective, London, Cassels, pp. 144-155.

Un po’ di storia

Scienza a due voci. Le donne nella scienza italiana dal Settecento al Novecento: http://scienzaa2voci.unibo.it/

Il sito mette a disposizione del grande pubblico un dizionario biografico delle “scienziate italiane” che consente di saperne di più sulla parte avuta dalle donne italiane, nello sviluppo e nella diffusione della scienza, dal Settecento all’età contemporanea (ad ora sono state inserite le donne nate entro il 1925). Le donne che hanno partecipato all’impresa scientifica sono state solitamente raffigurate come fenomeni straordinari o muse ispiratrici di grandi scienziati o abili assistenti al fianco di illustri professionisti. Questo dizionario biografico offre un quadro più autentico del loro contributo grazie ad una ricerca minuziosa, approfondita e insieme appassionata e porta alla luce anche volti e voci pressoché sconosciuti o dimenticati.
Biographies of Women Mathematicians: http://www.agnesscott.edu/LRiddle/women/chronol.htm

Il sito contiene le biografie, corredate di fotografia e bibliografia, delle principali donne matematiche dal VI secolo a.C. al XX secolo.