Anno 2020: dal 26 febbraio al 2 marzo è previsto il Romanian Master of Mathematics, come ogni anno a Bucarest, in Romania. Gennaio 2020: l’Italia ha selezionato una squadra di quattro concorrenti che partecipino alla gara. Quando mancano pochi giorni alla partenza, la Romania istituisce la quarantena in ingresso per i viaggiatori provenienti da alcune regioni italiane: Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna, a causa della diffusione della COVID-19.

Ecco quindi un problema 0 da risolvere prima ancora di poter vedere i sei della gara: tre dei quattro concorrenti (e uno dei due accompagnatori) risiedono infatti in quelle regioni. Di volare a Bucarest non se ne parla. Ma si potrà salvare la gara, per i concorrenti italiani?

I quattro, Massimiliano Foschi, Giovanni Mecenero, Romeo Passaro e Matteo Poletto, vengono dirottati su Pisa e prendono parte alla gara in remoto, con una lunga diretta streaming su YouTube (non troppo eccitante, a dire il vero, per gli spettatori) in modo che la giuria romena possa controllare che non ci siano “aiutini”. L’Italia non è comunque la sola nazione costretta dalle circostanze a partecipare da remoto: la stessa sorte capita alla squadra cinese e a quelle sudcoreana, iraniana ed israeliana. Questa soluzione, con una classifica separata per i concorrenti da remoto, è stata possibile grazie alla gentilezza e alla disponibilità degli organizzatori romeni.

I risultati per i nostri concorrenti sono buoni: Romeo e Matteo conquistano due medaglie “virtuali” d’argento, con 25 e 24 punti rispettivamente dei 42 in palio, mentre Massimiliano e Giovanni ottengono con 20 punti una medaglia “virtuale” di bronzo ciascuno. A Bucarest vince Jelena Ivancic, già prima classificata alle EGMO 2018 a Firenze e alle EGMO 2019 a Kiev, nonché settima classificata alle scorse IMO.

Alla prima gara internazionale del 2018 l’Italia comincia bene. La squadra azzurra (ITA: Andrea Ciprietti, ITA2: Saro Passaro, ITA3: Bernardo Tarini e ITA4: Federico Viola) ritorna dai Romanian Master of Mathematics con quattro medaglie. Medaglia di bronzo a 21 punti (e un solo punto dall’argento) per Viola, Tarini e Passaro, mentre Ciprietti con 30 punti ottiene la medaglia d’oro e il quinto posto assoluto. Davanti a lui, ai piedi del podio con 32 punti, Orsolya Lili Janzer, una ragazza ungherese che parteciperà alle EGMO di Firenze ad Aprile mentre sul podio, a gradino unico, salgono con 35 punti e 5 problemi risolti su 6 il coreano Kim Hongnyung, l’ucraino Nho Nhok Tkhai Shon e lo statunitense Singhal Mihir.
Tra le squadre l’Italia è nona, cinque punti dietro Regno Unito e Serbia, ma davanti alla Romania, undicesima con 64 punti, e alla Francia, quest’anno diciassettesima con 45 punti. Davanti a tutti gli Stati Uniti, con 93 punti, seguiti da Russia e Ungheria con 88.
Grazie ai nostri inviati, siamo riusciti a fare qualche domanda ai concorrenti.
Leggi l’articolo completo sul sito delle Olimpiadi della Matematica
http://olimpiadi.dm.unibo.it/2018/02/27/quattro-medaglie-dalla-romania/