Matteo Poletto tra le medaglie d'oro

La sessantaduesima Olimpiade Internazionale di Matematica ha avuto luogo in questi giorni in modalità remota: programmata a San Pietroburgo, in Russia, come l’anno scorso, di fronte al fatto che sarebbe stato molto difficile per molti concorrenti raggiungere la sede prevista, è stata trasformata in gara distribuita in tutto il mondo, in modo che potessero partecipare il maggior numero possibile di ragazze e ragazzi. A parte la sede, la competizione ha mantenuto la sua struttura canonica: due giorni di gara, tre problemi per giorno, sette punti in palio per ciascuno dei sei esercizi, 42 punti per un punteggio pieno.

L’Italia ha partecipato per la quarantunesima volta, presentando una squadra composta da:

ITA1: Matteo Damiano del Liceo Scientifico Statale “Galileo Ferraris” di Torino
ITA2: Massimiliano Foschi del Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Civitavecchia (Roma)
ITA3: Tommaso Lunghi del Liceo Scientifico “Alessandro Volta” di Milano
ITA4: Romeo Passaro del Liceo Scientifico “Alessandro Volta” di Milano
ITA5: Davide Pierrat del Liceo Scientifico “Ippolito Nievo” di Padova
ITA6: Matteo Poletto del Liceo Scientifico “Jacopo Da Ponte” di Bassano del Grappa (Vicenza),

accompagnati virtualmente dal Team Leader Massimo Gobbino e dalla Deputy Leader Francesca Rizzo, nonché dagli Observer A Davide Lombardo e Ludovico Pernazza.

I risultati, dopo i due giorni di gara, le correzioni e le coordination tra Leader e Deputy e i responsabili dei problemi, sono stati eccellenti: Matteo Poletto ha vinto una medaglia d’oro, con 35 punti e il decimo posto assoluto; hanno vinto una medaglia d’argento Matteo Damiano, Massimiliano Foschi e Romeo Passaro con 23 punti (a 1 solo punto dalla medaglia d’oro) e Tommaso Lunghi con 21 punti; infine Davide Pierrat ha vinto una medaglia di bronzo con 14 punti. Tutti ottimi piazzamenti, che messi assieme danno all’Italia un eccellente settimo posto assoluto (su 107) nella classifica per nazioni, a pari merito con Israele e alle spalle solo di Cina, Russia, Corea del Sud, Stati Uniti, Canada e Ucraina.

Matteo Poletto (due argenti e un oro nelle sue partecipazioni alle IMO), Romeo Passaro (due argenti), Davide Pierrat (un argento e un bronzo) e Tommaso Lunghi (un argento) salutano con questo successo le gare delle Olimpiadi della Matematica, mentre Matteo Damiano (un oro e un argento) e Massimiliano Foschi (un oro e due argenti) potrebbero gareggiare ancora l’anno prossimo.

Complimenti ancora a tutta la squadra e anche ai docenti, ai responsabili e ai collaboratori delle Olimpiadi della Matematica italiane, e in particolare a coloro che si occupano del Settore Internazionale, che sono riusciti nonostante le difficoltà a preparare e selezionare un ottimo
sestetto.

Il Progetto Olimpiadi della Matematica è promosso dal Ministero dell’Istruzione e attuato dall’Unione Matematica Italiana mediante la Commissione Olimpiadi, quest’anno con il supporto di Huawei.

Giovanni Zacher
Comunichiamo la scomparsa il 15 Luglio 2021 a Bolzano del professor Giovanni Zacher.
Nato a Bolzano, di madrelingua tedesca, professore emerito, già Ordinario di Istituzioni di Algebra Superiore all’Università di Padova, Socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei, membro dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti e dell’Accademia Galileiana, fondatore del CIRM (Centro Internazionale per la Ricerca Matematica) di Trento.
Algebrista di livello internazionale, cittadino europeo ante litteram, ha scelto l’Italia come paese in cui esplicare la carriera accademica, laureandosi a Padova e trasferendosi a Napoli e poi nuovamente a Padova dove vinse nel 1961 la prima cattedra di Algebra in Italia. Per alcuni anni si trasferì a Trento dove contribuì alla fondazione del Dipartimento di Matematica di Trento e del CIRM, per poi rientrare a Padova con la cattedra di Istituzioni di Algebra Superiore.
Le esequie si sono tenute a Bolzano il 19 Luglio 2021.
CCesare Parenti

Comunichiamo la dolorosa notizia dell’improvvisa scomparsa di Cesare Parenti, avvenuta nella mattinata del 17 luglio 2021. Cesare Parenti, nato a Bologna nel 1942, è stato per lungo tempo professore presso l’Università di Bologna ed è stato un noto studioso, a livello internazionale, di analisi microlocale (insieme a Luigi Rodino introdusse l’analisi microlocale nell’ambiente matematico italiano) e di analisi geometrica delle equazioni alle derivate parziali. Le esequie si svolgeranno presso la Certosa di Bologna il 21 luglio 2021, alle ore 15.

Foto di Xavier Ros-Oton

È stata assegnata a Xavier Ros-Oton la Medaglia d’Oro Guido Stampacchia.

Il premio, bandito dalla “International School of Mathematics «Guido Stampacchia»” afferente alla “Ettore Majorana Foundation and Centre for Scientific Culture” e dall’Unione Matematica Italiana è assegnato a uno studioso o a una studiosa che abbia svolto significative ricerche nel campo dell’Analisi Variazionale e delle sue Applicazioni e che, alla scadenza dell’anno in cui viene emanato il bando, non abbia compiuto 35 anni.

Xavier Ros-Oton ha completato il suo dottorato presso la Universitat Politècnica de Catalunya sotto la supervisione di Xavier Cabré. Dopo aver coperto posizioni presso la University of Texas at Austin e la Universität Zurich, Ros-Oton è attualmente professore presso ICREA e la Universitat de Barcelona dal 2020.

Prima della Medaglia d’Oro Guido Stampacchia, Ros-Oton ha vinto numerosi premi per giovani ricercatori all’interno della società matematica spagnola come il Premio di Ricerca Scientifica della Fundación Princesa de Girona (2019), il Premio Jose Luis Rubio de Francia (2017, Real Sociedad Matemática Española) ed è attualmente il più giovane vincitore del Premio Antonio Valle (2017, Sociedad Española de Matemática Aplicada). Nel 2018 è stato vincitore di un ERC Starting Grant (‘EllipticPDE’).

Di seguito la citazione ufficiale del premio.

 

The selection committee awards the seventh Gold Medal Guido Stampacchia to Xavier Ros-Oton. 

Ros-Oton, an ICREA Research Professor and a Full Professor at the Universitat de Barcelona, is a world leader in elliptic PDEs and variational theory. Among the most important contributions of Ros Oton and his collaborators are:
  • sharp boundary regularity for fully nonlinear nonlocal elliptic equations;
  • smoothness of stable solutions to semilinear elliptic PDEs;
  • regularity of free boundaries for integro-differential kernels;
  • fine structure theorems for free boundaries in obstacle problems.

His work has led to the development of several new and fundamental techniques, including blow-up methods for nonlocal operators, decay estimates for stable solutions to elliptic PDEs, and new interplays between geometric measure theory and monotonicity formulas for obstacle problems.

G. De Philippis, L. C. Evans, A. Figalli, H. Frankowska, G. R. Mingione

 

 

Dopo due anni di detenzione da parte del governo turco, il matematico francese Tuna Altınel è ritornato a Lione oggi pomeriggio, venerdì 11 giugno 2021. Questa non è certo la fine della sua vicenda perché l’amministrazione turca minaccia di cancellare il suo passaporto. Inoltre, come egli stesso ha dichiarato alla stampa, `ci sono migliaia di Tuna Altınel senza alcun comitato di sostegno’.

Nel testo del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41 (in Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 70 del 22 marzo 2021), coordinato con la legge di conversione 21 maggio 2021, n. 69, l’articolo 33 “Misure a sostegno delle Università, delle istituzioni di alta formazione artistica musical e coreutica e degli enti di ricerca” prevede 2 commi per il dottorato di ricerca, nello specifico il comma 2.bis e il comma 2.ter, che riportiamo qui sotto.

2-bis. Al fine di consentire una tempestiva ed efficace riprogrammazione delle attività di ricerca e di garantire la giusta qualità e maturità ai relativi progetti, sospesi in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, i dottorandi titolari di borse di studio ai sensi del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 8 febbraio 2013, n. 45, e dell’articolo 4 della legge 3 luglio 1998, n. 210, possono presentare richiesta di proroga, non superiore a tre mesi, del termine finale del corso, con conseguente erogazione della borsa di studio per il periodo corrispondente.

2-ter. Della proroga di cui al comma 2-bis possono altresì fruire i dottorandi non percettori di borsa di studio, nonché i pubblici dipendenti in congedo per la frequenza di un dottorato di ricerca. In quest’ultimo caso spetta alla pubblica amministrazione di appartenenza prolungare il congedo per un periodo pari a quello della proroga del corso di dottorato.

A Maria Colombo è stato assegnato il Peter Lax Award, nell’ambito delle Conferenze Internazionali sui Problemi Iperbolici (Conferences on Hyperbolic Problems 2022). Il Premio a Maria Colombo è dedicato alla figura del celebre matematico Peter Lax ed è assegnato a giovani ricercatori che si siano contraddistinti per i propri contributi nell’ambito della moderna teoria e computazione nell’area delle equazioni iperboliche, con un dottorato di ricerca conseguito negli ultimi 10 anni.

Maria Colombo è attualmente Direttrice del Laboratorio di Analisi Matematica, Calcolo delle Variazioni ed Equazioni Differenziali alle Derivate Parziali alla École polytechnique fédérale de Lausanne. Ha fatto i suoi studi universitari presso l’Università di Pisa e si è diplomata presso la Scuola Normale Superiore. Dal 2012 al 2015 ha seguito il Corso di Perfezionamento della Scuola Normale Superiore sotto la guida del prof. Luigi Ambrosio. Nel 2019 ha ricevuto il premio Giuseppe Bartolozzi dell’Unione Matematica Italiana.

È stata pubblicata da poco la lista dei 21 plenary speakers all’ICM2022 a San Pietroburgo. Di varie nazionalità e di diversi interessi scientifici, da quelli più tradizionali a quelli più recenti, fra i relatori ci sono quattro donne, Alice Guionnet, Svetlana Jitomirskaya, Laure Saint-Raymond, Catharina Stroppel, in numero uguale a quello delle donne plenary speakers all’ICM2018. Unico italiano fra i 21 relatori è Camillo De Lellis, professore all’Institute of Advanced Studies di Princeton.

Per la lista completa e un breve medaglione, si veda https://icm2022.org/plenary-lectures.

L’edizione 2021 di questo premio è stata assegnata a Jean-Michel Bismut e Jeff Cheeger con la seguente motivazione: for the remarkable insights that have transformed, and that continue to transform, modern geometry.  

Per ulteriori informazioni riguardo il premio e i premiati, si rimanda al sito https://www.shawprize.org/laureates/mathematical-sciences.

Il blog divulgativo Math is in the air ha intervistato Ludovico Pernazza, presidente della Commissione Olimpica dell’Unione Matematica Italiana. Potete leggerla per intero a questa pagina web.