Notizia

Louis Nirenberg (1925 – 2020)

Ci lascia a 94 anni il grande matematico canadese Louis Nirenberg, famoso per i numerosi risultati che ha ottenuto nell’ambito delle equazioni differenziali alle derivate parziali, fra cui, solo per citarne alcuni fra i tanti, la disuguaglianza di interpolazione di Gagliardo-Nirenberg, il teorema di Newlander-Nirenberg per le strutture complesse e la Bounded Mean Oscillation

Come ricorda la professoressa Isabeau Birindelli, una sua dottoranda che oggi è direttrice del dipartimento di matematica “G. Castelnuovo” di Sapienza Università di Roma, secondo il “Math genealogy project” Nirenberg ha avuto 46 studenti diretti e 403 “discendenti”. D’altra parte, se si dovessero aggiungere a questi numeri i “cugini”, cioè i discendenti dei suoi principali collaboratori storici (Agmon, Berestycki, Brezis, Caffarelli ecc…), il numero esploderebbe. 

Nella sua brillante carriera, Nirenberg ha vinto parecchi premi illustri, fra cui il premio Abel nel 2015 – insieme a J. F. Nash – “per i loro contributi fondamentali e straordinari alla teoria delle equazioni differenziali alle derivate parziali non lineari e alle sue applicazioni all’analisi geometrica”.

Come ha raccontato su MaddMaths! la professoressa Gabriella Tarantello dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, anche lei sua dottoranda, Nirenberg ha sempre avuto con l’Italia un rapporto particolare, iniziato grazie all’incontro con Guido Stampacchia con cui ebbe uno splendido rapporto. Probabilmente, deve essere stata quella stupenda esperienza ad averlo ben disposto nei confronti di tutta la comunità matematica italiana, che a sua volta gli ha sempre ricambiato stima e affetto.

Per ulteriori informazioni: